Come guadagnare con Twitter

Guadagnare Online: Ecco Qualche Consiglio

Un altro modo semplice per guadagnare online è procedere ai programmi di affiliazioni su Twitter. Si chiama MagPie ed è pensato esclusivamente per piattaforme di microblogging: è consigliato a chi riesce ad ottenere almeno 500 followers e soprattutto il proprio account dev’essere aggiornato costantemente con micro interventi di qualità.

L’ideale quindi per un piccolo sito che ha degli aggiornamenti costanti sul social network. MagPie permette l’inserimento in Twitter di piccoli codici relativi a delle campagne pubblicitarie e le modalità di guadagno si basano sul Pay per Click, il Pay per Lead e il Pay per Sale, quindi pagamento sui click sull’annuncio, sulle registrazioni ai siti o sulla vendita effettiva del prodotto sponsorizzato.

L’altro strumento a nostra disposizione per guadagnare con Twitter è il TwittAd, ovvero avere un background sul proprio account in vendita come se fosse una campagna pubblicitaria. Così facendo si metterebbero in vendita dei veri e propri spazi pubblicitari sul proprio profilo, magari da inserire all’interno di un pacchetto di advertising venduto ad una compagnia.

Il guadagno qui è ovviamente quantificabile solo a seconda del contratto stilato e dall’importanza della vostra azienda, oltre alla capacità del PM di concludere l’accordo

5 modi per guadagnare su internet

5 Modi Per Fare Soldi Reali Con Internet

Si parla spesso di denaro guadagnato attraverso l’utilizzo di Internet, ma come è possibile creare delle rendite di guadagno online seriamente e in modo sicuro? Può realmente darci una base economica?

Guadagnare dal web può risultare estenuante e delle volte può diventare un vero e proprio lavoro part time o addirittura full-time se le carte vengono giocate decentemente. Nonostante si pensi che sia facile, il mondo del lavoro sul web è un’occupazione che richiede tempo ed impegno. Una volta iniziato il percorso interattivo può diventare automaticamente macchinoso ma bisogna abbandonare l’idea che il guadagno online sia semplice da ottenere.

Per avere successo nel mondo web bisogna avere coraggio, tempo, pazienza, presenza, mente e molte idee. Diffidate da chi dice che tutto questo non serva, è una bufala! Anche in questo settore vi è molta concorrenza, forse un po’ di più rispetto alla vita definita “reale”, e come potete ben capire tutti vogliono la stessa cosa: Soldi.

Dunque ecco i modi di fare soldi “veri” utilizzando il severo linguaggio di Internet:

  1. Pubblicità Adsense: ti serve un sito, delle visite, i tanti articoli, tanta promozione online. Google Adsense paga da qualche centesimo a clic in su a seconda del tuo sito.
  2. Vendita di Banner: Devi trovare il cliente che compra il banner e ciò po
  3. Considerato il più classico di tutti: La consulenza nel web. Questo passaggio richiede competenze tecniche avanzate trebbe non risultare semplice.
  4. Vendita di Domini o parcheggi di Domini: oltre a saper vendere, bisogna saper comprare.
  5. Vendita di prodotti fisici: realizzare un e-commerce che ti permette di vendere oggetti fisici come magliette, gadget.
Intervista a Paolo Moro su Come Guadagnare Online

Intervista a Paolo Moro su Come Guadagnare Online

La prima intervista di guadagnare soldi online la dedico ad un amico a me caro che ho conosciuto da poco. Si chiama Paolo Moro ed è l’ideatore del blog/forum/community alVerde.net. Paolo è la prima persona che conosco che grazie al suo costante lavoro (ora) e ad alcune sue intuizioni (prima) riesce a guadagnare online con le affiliazioni.

Negli ultimi anni è riuscito a portarsi a casa sfruttando solo i programmi di affiliazione oltre 125.000 euro. Questo dovrebbe ampiamente dimostrare che anche in Italia è possibile guadagnare con i programmi di affiliazione!

L’intervista è articolata in due parti. Nella prima parte conosceremo meglio Paolo e vedremo di cosa si occupa. Nella seconda parte, indubbiamente più interessante per i lettori di questo blog, Paolo ci svelerà i segreti su come ha fatto a guadagnare circa 50.000 euro all’anno con i programmi di affiliazione.

GSO: Ciao Paolo, grazie per aver accettato questa intervista. Siamo curiosi si sapere qualcosa su di te… chi sei, dove sei e cosa fai ?

Paolo: Ciao, sono un webmaster di vecchia data e da poco tempo anche un blogger con tastiera in provincia di Udine :-). Gestisco alVerde.net dal 2001 e collaboro allo sviluppo di ASPCodeCMS.com e YouCommerce.it (è di mia competenza ciò che riguarda SEO/SEM e marketing in generale di questi due siti).

GSO: Fare soldi con internet in Italia è per molti un’ Utopia. Nonostante tutto nell’ultimo anno in molti ci stanno provando. Spuntano blog come funghi. Tu cosa ne pensi ?

Paolo: In realtà, i webmaster provano a guadagnare da molto più tempo. Quando ho creato alVerde.net c’era già un interesse diffuso verso il “guadagnare online”. Parlo di 7 anni fa. Esistevano pochissimi programmi di affiliazione; ricordo che fornivano agli affiliati solo banner 120×60 / 468×60 e nessuna funzionalità avanzata. Negli anni successivi l’offerta di servizi per guadagnare online è aumenta molto, ma la vera svolta è stata l’apertura di Google Adsense in Italia. Questo servizio di pubblicità contestuale ha permesso a tutti e permette tutt’ora di guadagnare (tanto o poco) con ogni sito web. E’ facile da usare ed è uno strumento adatto anche a chi gestisce un sito/blog in modo amatoriale e si accontenta di guadagnare poco. Per fare tanti soldi online bisogna, invece, gestire i propri siti in modo professionale. Il guadagno facile esiste ma si basa di solito su idee fortuite che non costituiscono un metodo generale e ripetibile.

GSO: Ho letto i tuoi consigli per guadagnare con un blog nell’interessante articolo pubblicato su Ikaro.net. Si capisce che credi molto nelle potenzialità offerte dall’Affiliate Marketing, ma secondo te con le affiliazioni si può guadagnare su internet molto di più rispetto a Google Adsense?

Paolo: L’affiliate marketing non esclude Adsense e viceversa, per questo non parlerei di quale fa guadagnare di più. Queste due fonti di guadagno possono essere utilizzate contemporaneamente: gli annunci di Google Adsense occupano uno spazio all’interno della pagina web mentre i programmi di affiliazione no. Quest’ultimi possono, infatti, essere sfruttati aggiungendo dei semplici link all’interno dei propri contenuti. Come ho spiegato su Ikaro, bisogna considerare ed utilizzare ogni link con il proprio codice affiliato come un collegamento verso una risorsa utile per gli utenti e non come una pubblicità. Per rispondere alla domanda in modo più preciso: un sito/blog nuovo o con utenti prevalentemente di passaggio guadagna di più con Adsense, un sito/blog autorevole con una base di utenti stabile tende a guadagnare poco con Adsense, ma può fare molti soldi con i programmi di affiliazione.

GSO: Sul tuo forum e sul tuo blog vedo che non utilizzi Adsense. Come mai ?

Paolo: In passato ho accettato la proposta di Yahoo! Search Marketing (ex Overture) che vieta di utilizzare altri servizi di keyword advertising come Adsense. Per questo ora utilizzo YSM e non Adsense.

GSO: Non nascondi che il tuo sito è una fonte di guadagno. Hai altri obiettivi oltre a questo?

Certamente, vorrei far crescere la community di alVerde.net riunendo molte delle persone che guadagnano online tramite i programmi di affiliazione. Uniti potremmo ottenere una maggiore considerazione da parte dei vari network di affiliazione e contribuire alla crescita del settore sia proponendo le nostre idee sia spiegando le nostre esigenze.

GSO: Sono molto curioso dell’articolo in cui hai pubblicato i tuoi guadagni derivanti dai vari programmi di affiliazione: 125.000 euro. Potresti svelarci come hai fatto :D ?

GSO: Questo metodo funziona ancora in Italia?

GSO: Da non molto vedo che stai puntando parecchio sul blogging. Da cosa deriva questa scelta?

Aggiornamento: E’ stata pubblicata la seconda parte dell’intervista. Per leggerla hai bisogno della password che riceverai SUBITO sulla tua mail dopo esserti iscritto alla newsletter gratuita (nel box in alto a questa pagina). Buona lettura :-)